Archivio della categoria: Notizie casa

Il Made in Italy in cucina

Si parla molto di Made in Italy in questo paese, soprattutto in un momento di crisi in cui le nostre aziende fanno fatica a garantire i livelli occupazionali di qualche anno fa.Le aziende che meno stanno risentendo della crisi, sono quelle che sono riuscite a trovare sbocco sui mercati internazionali. Il Made In Italy è un concetto ancora molto forte che consente ai produttori italiani di differenziarsi sui mercati. Anche se, a dirla tutta, non sempre le filiere di produzione sono completamente italiane. Molto aziende preferiscono produrre al’estero – soprattutto nei paesi dell’est europeo – per risparmiare sui costi di produzione.

Per quanto concerne i prodotti per la casa, uno dei marchi italiani che meglio sfrutta il concetto di Made in Italy è sicuramente la Guzzini. Guzzini è un’azienda storica, fondata più di cento anni or sono (nel 1912 per la precisione) dai fratelli Guzzini. Nel 1938 la Guzzini inizia a usare il plexiglas e, nel corso degli anni, si affida sempre più a design rinomati per concepire prodotti funzionali ma anche gradevoli alla vista.

Case a un euro? Un investimento da non sottovalutare.

investimenti immobiliariIn un momento di crisi economica prolungata dell’Eurozona, la casa sta diventando sempre più  un bene rifugio. E’ un bene rifugio per chi non trova lavoro, ma anche per chi voglia tentare un investimento. Alcuni comuni italiani stanno muovendosi per favorire il ripopolamento delle loro zone. Si tratta di comuni piccoli, spesso situati in montagna o comunque in zone non proprio nelle prossimità delle grandi città. Questi comuni stanno subendo un processo di graduale spopolamento causato dalla crisi occupazionale in cui versano già da diversi anni e dalla mancanza di prospettive per i giovani.

L’idea che hanno avuto gli amministratori locali è stata  quella di mettere in vendita le case al costo simbolico di un euro.  Gli acquirenti dovranno sostenere esclusivamente i costi di ristrutturazione, impegnandosi a rispettare la volumetria, l’ambiente circostante e l’architettura originale, soprattutto se si tratta di abitazioni situate nei centri storici.

I comuni che hanno aderito al’iniziativa sono, per ora, Salemi in provincia di Trapani, Gangi in provincia di Palermo e Carrega Ligure in Provincia di Alessandria. Ma anche altre zone della penisola sembrano interessate a questa tipologia di promozione del territorio, tanto che si parla di case a un euro anche per il Cilento e per il Vallo di Diano. Certo, non sono da sottovalutare i costi di ristrutturazione delle abitazioni, anche perchè non di rada si tratta di costruzioni molto vecchie situate in centri storici o addirittura di costruzioni rurali. Tuttavia il costo non eccessivo di una ristrutturazione, se l’abitazione è ancora in condizioni decenti, rende l’affare vantaggioso. Ma come utilizzare un’abitazione del genere?

Le alternative sono diverse e tutte interessanti. Premesso che una famiglia può fare un acquisto del genere anche, semplicemente, per avere a disposizione una casa vacanze, non sono da sottovalutare alcuni investimenti produttivi, come bed and breakfast e case vacanza per turisti; quest’ultima soluzione è l’ideale soprattutto se la casa è situata in un paesino di montagna non troppo distante dal mare. Nel Cilento non mancano paesini con queste caratteristiche.

Altro vantaggio non trascurabile da considerare è il costo usualmente basso delle tasse sulla casa che questi piccoli comuni chiedono ai residenti. E’ di questi giorni la notizia che Pollica – comune bellissimo ma purtroppo tristemente famoso per l’omicidio dell’allora sindaco Angelo Vassallo – sta addirittura abbassando le tasse sulla casa, in controtendenza con la maggior parte dei comuni italiani.